Baladin, il pioniere della birra artigianale italiana stravince al concorso Birra dell’Anno di Unionbirrai

La migliore sintesi di tradizione e innovazione nel settore brassicolo si chiama BALADIN. Lo ha deciso la giuria internazionale di BIRRA DELL’ANNO che chiude oggi la sua XII edizione incoronando “BIRRIFICIO DELL’ANNO 2017” forse il più noto dei produttori italiani. Fa incetta di premi il patron Teo Musso che raccoglie punti e soddisfazione dalle mani dell’amico storico Lorenzo “Kuaska” Dabove sul palco della Beer Arena. Il prestigioso riconoscimento, ottenuto dalla sommatoria dei punteggi, mette in evidenza non solo l’indiscussa eccellenza del brand piemontese, ma più in generale la rapida evoluzione del settore, in questi giorni protagonista assoluto a BEER ATTRACTION presso i padiglioni della fiera riminese (18-21 febbraio).

BALADIN vince soprattutto nella categoria delle Barley Wine (alta fermentazione e grado alcolico di ispirazione angloamericana) dove ottiene il primo (Lune) e il terzo posto (XYAUYU’) oltre ad una menzione d’onore (Terre). Sotto la voce birre chiare di ispirazione belga, il birrificio, ex aequo con il calabrese ‘A MAGARA, sale sullo scalino più alto del podio con la “Nazionale”. Stessa gloria condivisa, questa volta con il birrificio GJULIA, nella specialità “affinate in legno” per uno dei must della “Cantina – Riserva Teo Musso”, la Xyauyù Barrel, “una birra – spiega l’eclettico birraio – frutto di un pensiero perverso e di una lunga ricerca” che matura in botti di rovere una volta destinate a grandi rum. “Non me lo aspettavo, sono davvero felicissimo, soprattutto per l’oro con la birra Nazionale, sono dieci anni che lavoro sul progetto di una birra al cento per cento italiana”.

Non ci sono però solo i grandi a farla da padrona in questo comparto del beverage d’autore, lo dimostra proprio il concorso promosso da UNIONBIRRAI che porta a galla, nelle categorie più attese – Pilsner, Lager, Stout, Saison, IGA e birre acide – nuovi nomi del panorama birrario italiano o semplicemente nuove realtà indipendenti per la prima volta in lizza per il podio.Dopo l’escalation di questi ultimi anni da parte di regioni come Sardegna, Calabria, Puglia, Lazio, si confermailtrend nazionale per cui è necessario guardare al Nord della penisola per un riscontrosulla maggiore vocazione brassicola. La geografia birraria che si disegna con la XII edizione di BDA fa salire in cattedra Lombardia, Trentino e Veneto, allungando tuttavia un alloro nelle Marche terremotate di Pesaro. Colpisce senza dubbio la concentrazione di vincitori in area dolomiticadove più di tutto contano le parole sostenibilità, purezza dell’acqua, legame con la terra.

Altre storie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Advertisment
Advertisment

E ancora...

Unionbirrai e Despar: 12 realtà brassicole arrivano nella grande distribuzione

In 39 punti vendita tra Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige sono già disponibili le birre...

Acido Acida 2020 si farà! Dal 4 al 6 settembre torna il British Beer Festival

La settima edizione dell’unico festival dedicato alle birre britanniche al di fuori della madrepatria si sposta a fine estate. Nella pittoresca cornice...

Malto in Maggio 2020: ecco il programma

Torna nell’est veronese il festival dedicato al meglio della birra artigianale italiana. “Malto di Maggio”, dopo il grande successo della...

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato! Iscriviti alla newsletter per scoprire tutte le novità sul mondo della birra artigianale in Italia!