Ab InBev. 5500 posti di lavoro a rischio dopo l’acquisizione di SabMiller

Anheuser-Busch InBev NV prevede di tagliare circa il 3 per cento della sua forza lavoro nei tre anni dopo l’acquisizione di SABMiller.
Le riduzioni saranno attuate gradualmente e in fasi. Circa 5.500 posizioni rischiano di essere eliminate, questo secondo una persona ben informata sulla situazione aziendale, che ha chiesto di non essere identificato, perché l’informazione è confidenziale.
I tagli di lavoro faranno parte degli 1,4 miliardi di dollari di risparmio annuo che AB InBev ha detto di poter ottenere dalla combinazione dei due business.
La realtà dei fatti però, sembra essere ben diversa, infatti tutti i grandi gruppi birrai stanno cercando di tagliare i costi di produzione e distribuzione, questo perché vi è in atto una perdita della quote di mercato a favore dei marchi indipendenti in Europa e America del Nord.

Altre storie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli

Advertisment
Advertisment

E ancora...

Unionbirrai e Despar: 12 realtà brassicole arrivano nella grande distribuzione

In 39 punti vendita tra Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige sono già disponibili le birre...

Acido Acida 2020 si farà! Dal 4 al 6 settembre torna il British Beer Festival

La settima edizione dell’unico festival dedicato alle birre britanniche al di fuori della madrepatria si sposta a fine estate. Nella pittoresca cornice...

Malto in Maggio 2020: ecco il programma

Torna nell’est veronese il festival dedicato al meglio della birra artigianale italiana. “Malto di Maggio”, dopo il grande successo della...

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato! Iscriviti alla newsletter per scoprire tutte le novità sul mondo della birra artigianale in Italia!