Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato

* Privacy

Bitter Ale

Ordinary Bitter, Special Bitter e Extra special Bitter

Solo gli americani considerano Bitter ale e Pale ale due stili differenti tra loro (per via dei concorsi birrai), ma in realtà questi due stili hanno molte più similitudini che differenze. Le differenze sono minime, densità e gasatura. Vengono usati gli stessi malti, gli stessi luppoli e gli stessi metodi di produzione. Se chiedete ad un inglese la differenza tra Pale ale e Bitter ale, vi dirà che la differenza è solo nel metodo della mescita. In inghilterra le bitter ale si trovano quasi esclusivamente alla spina, anzi a pompa. Mentre le pale ale vengono quasi sempre imbottigliate (tranne le real ale), infine le bitter ale vengono spesso dryhoppate direttamente sul cask.

Detto questo, la differenza tra ordinary, special e extra special bitter ale, sta nel fatto che pur mantenendo pressappoco la stessa gradazione alcolica e lo stesso colore, aumenta corposità e di conseguenza l'amaro come vedete nell'extra special bitter ale.

Caratteristiche generali:
O.G. : 1030-1048 F.G. : 1008-1013
IBU : 20-40
SRM : 6-14
ABV : 3-5.5% 

Birre artigianali italiane: Hugo Ball di Dada, Chemel Light di Brewfist, Belfast blues Bitter di ELAV.

 

Stefano Statzu
Beer Writer
indietro

COMMENTI

Ricerca birra o birrificio

Cerca

Campi Flegrei

25 Gennaio 2017

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Stefano Serci - P.IVA 03436280923 - Tutti i diritti riservati.