Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato

* Privacy

No ai brevetti su Orzo e Birra, firmate la petizione!

Petizione. La birra non è nata con Carlsberg e Heineken: ha un’origine antica che risale a migliaia di anni fa. L’orzo è un prodotto naturale e non deve avere il marchio di nessuna multinazionale come, appunto, Carlsberg o Heineken. Non si deve poter brevettare un cerale così antico. 

Perché è importante?

L’orzo, il procedimento per fare la birra e la birra stessa hanno origini molto antiche e sono a disposizione di tutti noi. Eppure l’Ufficio europeo dei brevetti (EPO) ha dato il benestare a Heineken e Carlsberg per applicare brevetti sull’orzo. Si tratta di una patente che consente a queste multinazionali di gestire interamente la birrificazione, dal chicco d’orzo al prodotto finale. Queste aziende si stanno appropriando di un processo antichissimo e l’EPO, rilasciando il permesso, sta violando la normativa europea. E come se non bastasse l’Ufficio riceve denaro per ogni brevetto approvato.

Possiamo fermare questo processo assurdo ed evitare che su un cereale così antico e prezioso venga messo un brevetto. L’Ue l’anno scorso ha dovuto cedere di fronte alle 570.000 cittadini europei che hanno firmato la nostra petizione e ha dichiarato ufficialmente che non si possono mettere brevetti su animali e piante, a meno che non si tratti di esemplari geneticamente modificati. Gli stati membri dell’Organizzazione europea dei brevetti devono agire ora e richiamare l’Ufficio ad operare scelte nel rispetto della legge. [1]

Mercoledì prossimo poi ci sarà l’occasione perfetta. Insieme a più di 30 organizzazioni [2], ci faremo sentire e protesteremo contro brevetti che Carlsberg e Heineken stanno cercando di mettere sull’orzo. Difenderemo questo prezioso cereale e solleciteremo gli stati membri a richiamare all’ordine l’EPO.

Nel giro di 5 giorni le nostre proteste arriveranno all’Ufficio europeo dei brevetti a Monaco e verranno consegnate da un carro tradizionale bavarese con tanto di sei cavalli Shire e una banda di ottoni. Firma la petizione e fai arrivare la tua voce ai vertici decisionali: siamo in tanti da tutta Europa e non ci fermeremo finché l’EPO non ritirerà il brevetto.

Negli ultimi anni l’EPO ha rilasciato brevetti su prodotti agricoli come i pomodori, i broccoli, i meloni e, di recente, sull’orzo. I brevetti sono una cosa seria, hanno una grande portata: in questo caso specifico riguardano l’orzo, il processo di produzione della birra e la birra stessa. I brevetti in questione non sono diversificati rispetto ai tipi di coltura. Significa che il guadagno delle multinazionali che si occupano della produzione della birra sarà doppio: otterranno profitti dalla vendita dei chicchi di orzo agli agricoltori, compreranno i loro raccolti per poi venderli ai consumatori di birra. Hanno sotto controllo l’intero processo: dal campo al bar.

Inoltre, il brevetto dà loro il diritto di impedire ad altri agricoltori di birrificare un orzo migliore, aumentando, quindi il loro potere sul mercato a discapito degli agricoltori, di chi si occupa della selezione di sementi, della produzione di birra e a danno, infine, degli stessi consumatori.

Quanto avviene con Carlsberg e Heineken dimostra che ci sono zone grigie nella legislazione che riguarda i brevetti che l’EPO sfrutta e da cui trae beneficio. [3] Ogni anno i guadagni dell’EPO ammontano a circa 1 miliardo di euro che incassano grazie alle tasse e ai brevetti che rilasciano e grazie ai quali le aziende impongono la loro presenza sul mercato.

La nostra petizione chiede che i governi dei singoli stati europei richiamino l’EPO ad agire secondo le normative vigenti. A fine mese è previsto un incontro a L’Aia per discutere questo punto importante.

È il momento di farci sentire: l’Ue ha mandato segnali incoraggianti, ma è necessario un intervento per riportare l’Ufficio dei brevetti sulla strada giusta. 

Per firmare la petizione clicca qui

 

COMMENTI

Ricerca birra o birrificio

Cerca

Sangermano18 è su Le Strade della Birra

29 Maggio 2017

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Stefano Serci - P.IVA 03436280923 - Tutti i diritti riservati.