Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato

* Privacy

Terza fugace di casa Hibu, viene imbottigliata fra maggio e giugno.

“Mango li cani”, la fruit beer che parte dolce e finisce amara

Manco tu fossi assetato, manco l’estate fosse alle porte e lo spacciatore di fiducia di frutta del birrificio avesse messo da parte qualche cassetta di troppo di manghi succosi e profumati.

Ecco, “Mango li cani” è come il bambino preso con le dita nella marmellata: una fruit beer generosa (5,4 gradi d’alcol) e amara al punto giusto (28 ibu) con lo sguardo birichino, uscita ora ora dallo stabilimento artigianale brianzolo di Burago di Molgora.

Per disegnarne l’etichetta il nostro mastro illustratore Giuseppe Ferrario si è ispirato ad Ettore, il cane del birrificio. Che proprio abboccaticcio non si può definire, lui mangia solo costolette barbecue (e qui apriamo un’altra storia che concretizzeremo a luglio in una sfida all’ultimo forchettone), manghi e ogni tanto si concede di fiutare una fruit beer.

Ecco perché gli è stata dedicata: aroma tropicale spinto ed evidenti tracce agrumate a bilanciare il rapporto fra dolcezza e amaro. Come si chiede ad una bevuta che deve chetare l’arsura, una birra di colore ambrato carico, con riflessi arancio, schiuma fine e compatta che neppure la lingua lunga di Ettore riesce a domare. Beverina si adatta a questo preciso momento in cui la primavera si trasforma in estate. Non a caso è una “fugace”, una delle ricette che Raimondo crea per due mesi all’anno (in questo caso maggio e giugno, dopodiché sotto alla prossima). Secca, con un’entrata iniziale dolce dovuta proprio alla scelta di Ettore (ops, di Raimondo Cetani, il mastro birraio) di aggiungere manghi a volontà, che sul finale si trasforma in una gradevole sensazione di pulizia. Quasi quasi tendente all’amarognolo. Anzi, senza il quasi. Ed Ettore beve.

Info: www.birrificiohibu.it

COMMENTI

Ricerca birra o birrificio

Cerca

Sangermano18 è su Le Strade della Birra

29 Maggio 2017

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Stefano Serci - P.IVA 03436280923 - Tutti i diritti riservati.