Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato

* Privacy

Kwak e Tripel Karmeliet finiscono nel girone di AB-INBEV

Stando alle ultime notizie l'azienda Anheuser-Busch InBev parrebbe intenzionata ad acquisire il birrificio belga Bosteels, che produce due tra le birre più famose del Belgio: la Tripel Karmeliet e la Kwak

Secondo il sito TheStreet, la A-B InBev, anch'essa con sede in Belgio, vorrebbe comprare la Bosteels dalla famiglia che ha fondato il birrificio più di 200 anni fa. I termini finanziari non sono stati ancora rivelati, ma le fonti giornalistiche del Belgio stimano un valore dell'affare di 200 milioni di euro (225.4 milioni di dollari).

Antoine Bosteels continuerà a gestire il birrificio, che diventerà parte del settore birre artigianali e speciali della A-B InBev's. La Boostels è supportata da Waterland, e in base al rapporto non è risultato da subito chiaro se la società di private equity olandese intenda ridurre le sue quote di partecipazione nell'impresa oppure venderle.

Le voci sul possibile acquisto di Bosteels hanno colto tutti di sorpresa, poichè la A-B InBev's sta ancora portando a termine l'acquisizione programmata di SABMiller per 107 miliardi di dollari, ha affermato in una nota giornalistica su TheStreet l'analista Wim Hoste di KBC Securities di Bruxelles.

Sebbene il birrificio Bosteels abbia un volume d'affari piuttosto ridotto, "tuttavia rafforza la posizione sempre più importante di A-B InBev nel settore delle birre artigianali", ha aggiunto. Secondo Hoste non dovrebbero sorgere problemi con l'ente regolatore della concorrenza in Belgio, che secondo il rapporto genera meno di 16 milioni di euro del fatturato della A-B InBev.

In passato era stato riportato che anche il produttore di birre olandese Heineken era interessato all'acquisto di Bosteels. 

Stefano Serci
Le Strade della Birra.com Founder
indietro

COMMENTI

Ricerca birra o birrificio

Cerca

Dalla Puglia: Birrasalento

17 Novembre 2017

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Stefano Serci - P.IVA 03436280923 - Tutti i diritti riservati.