Iscriviti alla nostra Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato

* Privacy

Social Drinking 

Abitare vicino ad un pub e bere in compagnia aiuta a migliorare la qualità della vita

Sulla rivista Adaptive Behaviour and Physiology è stata pubblicata una ricerca nella quale è dimostrato che il consumo moderato di alcol in compagnia di amici in un pub della propria città può contribuire a uno stato benessere. 

La maggior parte degli studi mettono in guardia contro rischi per la salute derivanti dal consumo di alcol, tuttavia i ricercatori dell'Università di Oxford hanno intrapreso uno studio per verificare se il consumo di una bevanda alcolica possa contribuire a una maggiore coesione sociale, considerata la lunga tradizione del bere in società. 

La combinazione di dati provenienti da tre studi separati - uno studio basato su un questionario somministrato ai clienti di un pub, l'osservazione del comportamento durante le conversazioni in pub e un sondaggio su scala nazionale svolto da Campaign for Real Ale (CAMRA) - i ricercatori si sono chiesti se la frequenza di consumo di alcol o il locale dove avviene il consumo influenzino le esperienze sociali e il benessere. 

Essi hanno concluso che le persone che frequentano regolarmente un locale tendono a sentirsi più coinvolte e soddisfatte a livello sociale, e sono più propense a fidarsi delle altre persone appartenenti alla loro comunità. Essi hanno inoltre osservato che chi non frequenta un locale, appartiene a reti sociali più ristrette, si sente meno impegnato e ha meno fiducia nella comunità di appartenenza. 

Lo studio ha anche mostrato che le persone che frequentano un pub per bere tendono a socializzare in piccoli gruppi, fenomeno che coinvolge l'intero gruppo nella conversazione, mentre chi beve nei bar in entro città tende ad aggregarsi in gruppi molto più numerosi e partecipa molto meno alle conversazioni di gruppo. 

Il professor Robin Dunbar del Dipartimento di Psicologia Sperimentale dell'Università di Oxford, ha dichiarato: "Questo studio dimostra che frequentare un pub può influenzare direttamente le dimensioni delle reti sociali di appartenenza e il grado di coinvolgimento nella comunità locale, che a sua volta può influenzare il grado di soddisfazione nei confronti della vita"

"Le nostre reti sociali ci forniscono il più importante indicatore sulla malattia mentale e fisica. In Gran Bretagna i pub hanno per tradizione la funzione di luogo di aggregazione per le comunità e sembra che l'alcol attivi il sistema di rilascio dell'endorfina, che facilita i legami sociali. Al pari di altri complessi sistemi di aggregazione come la danza, il canto e il racconto, il consumo di alcol è stato spesso adottato dalle grandi comunità come rituale associato alla creazione di legami". 

Colin Valentine, presidente nazionale del CAMRA, ha affermato: "Il benessere personale e la felicità hanno un'enorme influenza non solo sulla vita delle singole persone, ma anche sulle comunità nel loro complesso. I membri del CAMRA non saranno sorpresi dall'apprendere che i pub hanno un ruolo fondamentale nel benessere di una persona, ma è una grande notizia sapere che questa saggezza popolare sia stata ora confermata dalla ricerca".

"I pub svolgono un ruolo unico nell'offrire un ambiente pubblico per gustare un drink con gli amici in un locale pubblico affidabile e sorvegliato. Per questo dobbiamo tutti fare il possibile per garantire che ciascuno abbia un locale vicino a dove vive o lavora, e il primo passo per raggiungere lo scopo è rafforzare il piano di protezione dei pub per arginare l'attuale tendenza alla chiusura di 21 pub alla settimana in Gran Bretagna.

Maggiori informazioni
camra.org.uk

COMMENTI

Ricerca birra o birrificio

Cerca

Sangermano18 è su Le Strade della Birra

29 Maggio 2017

Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. La redazione dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione.

© 2015 Stefano Serci - P.IVA 03436280923 - Tutti i diritti riservati.